presbiopiacansada

Presbiopia e miopia

Parliamo un po’ del rapporto tra presbiopia e miopia.

La maggior parte delle persone pensa che la miopia sia il difetto visivo più diffuso, anche se questo concetto è totalmente falso.

Quello che succede è che le statistiche fanno riflettere sulla quantità di miopi, poiché sono le persone che presentano più sintomi e quindi si può valutare il loro numero.

Tuttavia l’ipermetropia è molto più diffusa, ma non è valutabile statisticamente in quanto la stragrande maggioranza degli ipermetropi non presenta sintomi. La presbiopia è il difetto visivo più diffuso dopo i 45 anni, è ovvio che prima o poi tutti ne soffriremo.

Cos’è la miopia?

La miopia è il difetto visivo più noto dato che è molto facile da spiegare e conseguentemente più facile da comprendere.

Una persona miope semplicemente non vede bene da lontano, ma vede bene da vicino. Se ricordi il disegno che spiegava il fenomeno della visione, è facile dire che l’occhio forma le immagini che entrano dalla cornea prima di raggiungere la retina.

Pertanto i miopi vedono gli oggetti distanti sfocati. Tuttavia, quando queste immagini sono vicine, i raggi di luce incidono in modo diverso e l’occhio è in grado di mettere a fuoco gli oggetti.

cosa çel la presbiopia

 

La visione viene prodotta dal passaggio della luce nell’occhio attraverso la cornea e il cristallino

Probabilmente se sei miope ti starai chiedendo perché arrivato a 45 anni, devi toglierti gli occhiali da lontano per vedere bene da vicino.

Se fai clic sul banner qui sotto, verrai indirizzato a una pagina dove potrai trovare l’ottica Occhiali24.it più vicina a casa tua. Compila il modulo per fissare un appuntamento con il tuo ottico più vicino, e dopo aver esaminato la tua visione (la quale so che non controlli da tempo), ti spiegherà tutto nei dettagli e di persona. Non v’è alcun impegno di acquisto e tutto questo non ti costerà nulla.

 

Presbiopia e miopia, difetti visivi opposti.

Non è esattamente così, ma spiegato in questo modo è molto più facile da capire.

Una persona miope non potrà mai essere in grado di vedere bene da lontano senza un ausilio ottico o un intervento chirurgico, tuttavia da vicino sì.

Fino all’età di 45-50 anni, potrà vedere da vicino con o senza occhiali, ma a partire da quell’età, dovrà togliersi gli occhiali per vedere da vicino. Devo ripeterlo? Sì, ripeto il tutto, schematizzato e diviso per numero di diottrie che una persona miope può avere.

Miopie con 1 diottria o meno.

-Fino a 45 anni avrai bisogno di occhiali da lontano e potrai vedere chiaramente sia da lontano che da vicino con quegli occhiali

-A partire da 45 anni avrai bisogno degli occhiali da lontano e dovrai toglierti gli occhiali per vedere bene da vicino. Potrai non utilizzare gli occhiali da vicino fino a circa 55 anni.

Miope tra 1,25 diottrie e 3 diottrie.

-Fino a 45 anni avrai bisogno di occhiali da lontano e potrai vedere bene con essi sia da vicino che da lontano.

-A partire da 45 anni avrai bisogno degli occhiali da lontano e dovrai togliere gli occhiali per vedere bene da vicino avvicinando il foglio, il cellulare, il libro, ecc. Potrai non utilizzare occhiali da vicino fino a circa 65-70 anni a seconda della quantità di miopia.

Miope con più di 3.50 diottrie.

-Fino a 45 anni avrai bisogno di occhiali da lontano e potrai vedere bene con essi sia da vicino che da lontano.

-A partire da 45 anni avrai bisogno di un occhiale da vicino addizionale, oppure con la corrispondente aggiunta progressiva. Puoi vedere bene da vicino senza gli occhiali, ma hai bisogno di avvicinare molto l’oggetto in questione per leggere, e l’ergonomia della visione non è ottimale. In sintesi: bisognerà avvicinare così tanto il giornale che leggerlo diventerà scomodo.

Come puoi vedere sembra chiara la relazione opposta tra presbiopia e miopia. Ad esempio, un miope con due diottrie, quando avrà 57 anni, avrà 2 diottrie di presbiopia. Quindi vedrà perfettamente da vicino ad una distanza di 33-40 centimetri.

Quando la presbiopia aumenterà avrà bisogno di occhiali da lettura diversi. Un miope con una diottria vedrà molto bene da vicino a circa 33-40 cm tra i 45-48. Ed avrà bisogno di più aggiunte, con l’avanzare dell’età.

Stiamo parlando sempre di occhiali perché con le lenti a contatto è irrealizzabile mettersele e togliersele costantemente. Una persona che porta le lenti a contatto con miopia e presbiopia ha un’opzione molto interessante, cioè quella di indossare gli occhiali da vicino quando indossa le lenti a contatto.

Presbiopia e miopiaQuesto trucco non è ben noto in generale, ma io lo consiglio di continuo durante le consultazioni. Un miope tra 1,50 e 9 diottrie, dipende molto dalle sue lenti a contatto. Vede molto meglio con esse ed è difficile fargli capire che ogni tanto le deve togliere per far riposare ed ossigenare la cornea. Molto difficile è anche convincerlo ad utilizzare degli occhiali progressivi.

Pertanto, chi comincia a notare i sintomi della presbiopia, viene solitamente un po’ disperato perché non può vedere bene da vicino con le sue lenti a contatto. Però quando gli spiego la possibilità di indossare gli occhiali sopra le lenti a contatto, il cliente, provando questo trucco, rimane sorpreso e felice dopo la consultazione.

Un’altra opzione sono le lenti progressive, ma in questo tipo di pazienti questa opzione diventa nuovamente complicata, perché come detto nell’articolo sulle lenti a contatto multifocali per correggere la presbiopia, non si ottiene una visione ottimale per entrambe le distanze.

Cioè, non si vede bene al 100% in entrambe le distanze. Occhio, io sì lo raccomando, l’esperienza mi dice che l’adattamento non riesce in un certo numero di occasioni, ma bisogna provare e lavorare bene ogni singolo caso. A volte si ottengono buoni risultati.

Quindi, se hai presbiopia e miopia puoi capire perché hai bisogno di toglierti gli occhiali intorno ai 45 anni.

Se l’articolo ti è piaciuto, condividilo sui tuoi social network preferiti

Se hai qualche domanda puoi scrivermi un commento.

Se ti è piaciuto, condividilo.

GuardarGuardar

Occhiali Progressivi Prezzo

Occhiali Progressivi Prezzo: Ti stai chiedendo quali sono i prezzi degli occhiali progressivi di cui hai bisogno per vedere bene da vicino e da lontano?

Non sei l’unico.

Si tratta di una delle domande che ricevo più spesso sul blog ed è una domanda da un milione di dollari. Perché sono così costosi gli occhiali progressivi?

Ma c’è anche un’altra domanda a riguardo, perché c’è così tanta differenza di prezzo tra di loro?

In definitiva

Qual è il prezzo degli occhiali progressivi?

Occhiali Progressivi Prezzo

 

Ti ricordo che oggi essenzialmente esistono due categorie principali:

-Gli occhiali progressivi tradizionali

-Gli occhiali progressivi digitali.

Potremmo fare suddivisioni all’interno delle progressive tradizionali, ma sarebbero troppe informazioni, quindi vedremo solo come si dividono quelle digitali.

Le digitali vengono denominate Free Form

Possiamo dire che esistono lenti progressive Free Form Standard e lenti progressive Free Form Individuali.

La gamma Free Form stessa garantisce una lente moderna, con intaglio digitale e campi ampli.

E la Free Form Individuale possiamo dire che è la lente più avanzata che esista.

La personalizzazione che si incorpora, ha come punto di partenza una lente con i campi di visione più ampi possibili, minimizzando al massimo l’aberrazione.

Fino a qui abbiamo già definito tre tipi di lenti progressive e ora cominciamo a parlare dei prezzi che tanto “desideri” sapere, ma per scoprire tutto bisogna leggere l’articolo fino alla fine.

Come ho già detto, non vale la pena fare una suddivisione delle progressive tradizionali, basta dire che il loro costo medio è di circa 200 euro. Per meno di questo prezzo non vale la pena acquistare un paio di lenti progressive, dal momento che le lenti che indosserai ti daranno sicuramente molti problemi.

Si tratterebbe di lenti progressive superate che ancora esistono perché è normale che ci sia ogni tipo di scelta sul mercato.

Ora analizzeremo la prima divisione delle lenti progressive o multifocali. Se hai una presbiopia e un altro difetto visivo, come miopia, astigmatismo o ipermetropia, e vuoi veramente vedere da vicino, da lontano e a distanze intermedie, devi utilizzare degli occhiali con lenti progressive Free Form.

Sia che si tratti di quelle standard che di quelle individuali.

Costo degli Occhiali con lenti progressive Free Form Standard

Il loro prezzo medio oscilla intorno ai 450-500 euro.

Faccio una piccola precisazione, parliamo sempre di occhiali completi, montatura più le due lenti.

Beh, come si può vedere il prezzo è raddoppiato, ma anche la qualità della lente è raddoppiata.

Per concludere, parliamo della Champions League degli occhiali progressivi.

Prezzi degli Occhiali con lenti progressive Free Form personalizzate

Se parliamo di lenti progressive Free Form Individuali, parliamo del top tipo Messi, CR7, Pirlo,Dzeko, e compagnia bella.

Un paio di lenti progressive Free Form Individuali deve avere un prezzo medio di 800-850 euro.

Occhio però, stiamo parlando di prezzi MEDI, quindi su alcuni siti potresti trovare lenti progressive più economiche e su altri siti più costose.

Inoltre il prezzo oscilla molto se si aggiungono supplementi o lenti ridotte.

Ma puoi orientarti attraverso questa piccola mini-guida sui prezzi.

È facile da ricordare, come aumenta la gamma il prezzo quasi raddoppia.

Però ora arriva il meglio, dimenticati completamente di questi prezzi.

Sponsorizzo il sito occhiali24.it, quindi senza esitazione ti voglio proporre la loro offerta di 319 euro per gli occhiali progressivi Free Form Individuali

Sicuramente ti starai domandando, come è possibile che chiedono la metà del prezzo medio? Beh, per questa serie di motivi.

-Sono loro i produttori diretti, quindi non ci sono intermediari che aumentano il costo.

-Non investono nella pubblicità in televisione, quindi i soldi che risparmiano non gravano sui prodotti. Investono nella pubblicità sì, ma nella pubblicità on-line e sui blog, come il mio (LOL)

-Il prezzo, è quello che è, perché sempre sottopongono le loro lenti a uno studio su pazienti.

Quindi questo prezzo è anche il corrispettivo per partecipazione a questo studio.

In questo schema tutto ciò è spiegato più semplicemente in modo da poter capire il perché di questi prezzi così convenienti.

occhiali progresivi prezzo

Hanno anche la gamma Free Form individuali, e il prezzo è ancora più conveniente, 299 euro.

Potresti pensare che questi occhiali progressivi sono troppo economici. Ci sono molte occasioni in cui ci piace pagare di più, perché pensiamo che più paghiamo, meglio è.

E nella maggior parte dei casi è così, ma tieni presente le variabili che ho citato prima per comprendere la loro politica dei prezzi.

occhiali steiner vision opinioniInoltre, ora hanno incorporato anche una nuova marca con una tecnologia tedesca, chiamata Steiner Vision. È possibile ottenere anche questi occhiali con lenti progressive a 449 € 

Le opinioni delle lenti progressive Steiner Vision sono eccellenti e saranno le prossime che mia madre indossa.

Ricorda che se dovresti avere problemi, la sostituzione è gratuita e non ha nessun costo aggiuntivo, quindi se decidi di dar loro un’opportunità, clicca sull’immagine qui sotto e registrati sul suo sito web.

Non ci si impegna a nulla, quello che farai sarà, semplicemente, prendere un appuntamento con l’ottica associata OCCHIALI24.IT più vicina a casa tua.

Lì, un ottico specializzato, ti informerà meglio e ti consiglierà su tutto ciò che riguarda la tua gradazione e la scelta della montatura.

E questo è tutto, spero che vi piaccia e condividere nei vostri social network.

© Lenti progressive prezzi per Gerardo Ottico

CORREZIONE CHIRURGICA DELLA PRESBIOPIA I

Ciao di nuovo. Anche se sono un optometrista, e c’è sempre una piccola polemica tra noi e gli oftalmologi, mi sento in dovere di fare un post per spiegare una terza soluzione per la presbiopia:

La correzione chirurgica della presbiopia.

Vediamo di cosa si tratta:

Essenzialmente esistono due tipi di interventi chirurgici per la correzione della presbiopia:

-Correzione della presbiopia con Lasik monovisione.

-Correzione della presbiopia con Lente intraoculare multifocale.

Correzione della presbiopia con Lasik monovisione.

Abbiamo già parlato, in qualche articolo precedente, in che consiste la monovisione. Si tratta della correzione di un occhio per la visione da lontano e dell’altro per la visione da vicino. Questo tipo di chirurgia viene eseguita con il laser, il famoso Lasik per correggere miopia, ipermetropia e astigmatismo.

In questo caso, viene incisa la cornea dell’occhio non dominante, cioè l’occhio che vede peggio da lontano, e si ottimizza la sua visione da vicino. Lo stesso che con le lenti progressive.

Nel caso in cui il paziente soffra di qualche difetto visivo, l’idealmente sarebbe utilizzare l’intervento chirurgico per correggere anche l’occhio dominante per la visione da lontano. E come si suol dire, si prendono due piccioni con una fava.

In questo modo l’occhio dominante vedrebbe perfettamente da lontano, e l’occhio non dominante da vicino. Come appena detto, l’effetto di questa tecnica è simile a quello ottenuto con le lenti a contatto quando si applica la tecnica della monovisione. Tuttavia, dobbiamo ricordare che la presbiopia è progressiva. A 45 anni è di circa 1 diottria, o una diottria e mezzo, e a 65 di solito è intorno alle 3 diottrie.

Per cui l’oftalmologo dovrebbe essere chiaro con il paziente, mettendolo a conoscenza del fatto che eventualmente dovrebbe procedere con una seconda operazione col passare degli anni.

Correzione della presbiopia con Lente intraoculare multifocale.

Per quanto riguarda il secondo approccio, la lente intraoculare multifocale è l’ideale per i pazienti che soffrono di cataratta. Presto scriveremo un articolo per definire cos’è la cataratta e il suo rapporto con la presbiopia.

Ai pazienti con cataratta bisogna intervenire per la rimozione del cristallino opacizzato, l’effetto che ha la cataratta è quello di non lasciar passare la luce correttamente, peggiorando notevolmente la vista. Al suo posto viene implementato un cristallino artificiale completamente trasparente che permetterà di recuperare notevolmente la vista. Ecco qui un’immagine che illustra perfettamente il fenomeno.

La vista viene prodotta dal passaggio della luce nell’occhio attraverso la cornea e il cristallino

cosa çel la presbiopia

Attraverso la correzione chirurgia della presbiopia e sfruttando la sostituzione del cristallino, l’oftalmologo può inserire una lente intraoculare multifocale. In questo modo, e così come dice il detto popolare, si prendono due piccioni con una fava (se conosci un altro detto con lo stesso significato, fammelo sapere). Via la cataratta e via la presbiopia.

L’adattamento a questo tipo di lenti multifocali intraoculari è abbastanza soddisfacente, è il cervello che interpreta l’area del cristallino artificiale dove deve guardare.

Ci sono altri tipi di interventi per la correzione della presbiopia, ma sono degni di un altro articolo e quindi ne parleremo a parte.

Per il momento è tutto e, se ti vuoi operare e puoi farlo, vai subito dall’oftalmologo, ma non dirgli che ti mando io (oppure sì, e vediamo se mi riconosce una commissione).

Per qualsiasi domanda, lascia un commento qui sotto.

Se ti è piaciuto l’articolo, condividilo sui tuoi social preferiti.

Soluzioni per la presbiopia: Occhiali.

Se siete arrivati fin qui, suppongo che abbiate letto il primo articolo di questo blog, dove spiego la natura della presbiopia.

Per cui, sapete già perché non vedete bene da vicino. Bene, placate le prime ansie, passo a spiegare la prima delle soluzioni a questo problema.

Gli occhiali sono la soluzione più economica, semplice e rapida per la presbiopia. Se vi recate in un’ottica, un optometrista potrà individuare lo stato della vostra presbiopia e, nel giro di un giorno, o addirittura ore, potrete ottenere degli occhiali graduati e sarete pronti per leggere.

Occhiali progressivi

Potrebbe apparire la pubblicità di un nostro sponsor, (occhiali24.it), però – cosa volete? – è farina del nostro sacco. Essendo, questo blog, possibile grazie a loro, vi chiedo di cliccare su questo link per ottenere più informazioni sulla campagna degli occhiali progressivi. Le loro lenti godono di un rapporto qualità-prezzo invidiabile.

Occhiali di vicinanza

Più avanti, vi spiegherò come funzionano gli occhiali progressivi, però quello che vi accennavo prima riguardava gli occhiali di vicinanza di sempre.

Questo tipo di occhiali serve solo per vedere da vicino. E voglio che vi sia chiaro che il televisore non è vicino, ma al contrario. E lo schermo del computer non lo è neanche, si tratta di una distanza media. Ricordate cosa fosse l’addizione, no? Non ha nulla a che vedere con la essa. L’optometrista, normalmente, prescrive l’addizione per una distanza di  33-40 cm. La tv dovrebbe stare a più di due metri e lo schermo del pc a circa 50-70 cm. È per questo che gli occhiali di vicinanza servono se non altro a leggere o compiere altri tipi di attività, come cucire, scrivere o disegnare.

Per correggere la vostra presbiopia, vi consiglio di non scegliere degli occhiali da lettura premontati, cioè quegli occhiali che sono già pronti e si vendono presso le farmacie o altri centri di dubbia reputazione, che si autodefiniscono ottici. Recatevi sempre all’ottica quando notate problemi di presbiopia. Date un’occhiata a questo post, dove si parla di qualità degli occhiali premontati. Vi garantisco che non sprecherete il vostro tempo.

Occhiali progressivi

Se non avete nessun problema di vista da lontano, gli occhiali di vicinanza possono essere una soluzione più o meno comoda, in base ai lavori che vi accingete a compiere. Per esempio, se il vostro lavoro si compie all’aria aperta, è una buona soluzione. Al contrario, se lavorate in ufficio, i vostri occhiali si sposteranno dal viso alla scrivania, dalla scrivania al viso. Continuamente, perché avrete bisogno di vedere a diverse distanze. Parimenti, se avete qualche difetto visivo, come la miopia, ipermetropia o astigmatismo, avrete bisogno di correggere la visione da vicino e da lontano.

occhiali progressivi

Modello di vetri progressivi

Cominciamo a spiegare gli occhiali progressivi: le lenti progressive o multifocali vengono create per poter vedere bene da tutte le distanze: lontano, vicino o distanza intermedia.

Visione con lente progressiva

La struttura interna dei vetri progressivi è semplice da spiegare. Come vedere nell’immagine, ci sono zone in cui le immagini si vedono nitide al di là della lente e altre zone dove è più sfocato. Per questioni di fisica, è impossibile fabbricare una lente dove non esistano zone in cui la visione non sia chiara. Con il tempo, i fabbricanti hanno sviluppato lenti migliori, grazie al progresso della tecnologia. Però, finora, non è possibile ottenere una lente progressiva senza zone di anomalia.

Proprio per questa causa, le lenti progressive hanno sempre goduto di cattiva fama. Sicuramente, avrete sentito dire a qualcun parente o amico dire che gira loro la testa a causa del loro uso.

Problemi degli occhiali progressivi

Questo succede per tre problemi facili da risolvere:

  • Cattiva spiegazione da parte dell’ottico-optometrista sull’uso corretto degli occhiali progressivi
  • Scelta di lenti progressive di bassa qualità
  • Scelta di montature inappropriate per gli occhiali progressivi

Come tutto nella vita, la qualità si paga. Non credo per niente a quella pubblicità del LIDL che tutti avrete visto. Le lenti progressive di qualità sono care, parliamoci chiaro. Però dei buoni occhiali multifocali renderanno l’adattazione veloce, facile e la qualità della vista molto migliore.

Tipi di lenti progressive

Vi lascio un’immagine delle varie qualità delle lenti progressive. Prima di tutto, voglio specificare che non vedrete mai così bene con le lenti progressive, la visione reale è molto diversa. Non dico che sia peggio di quanto illustrato, però sicuramente diverso. Tali immagini si usano per spiegare meglio il confronto tra i diversi tipi di vetri progressivi.

Diversi tipi di progressivi

Per parlare della qualità delle lenti progressive dobbiamo parlare dell’ampiezza del campo visivo. La lente sinistra ha una visione molto più ridotta della lente destra. Ed è per questo che delle lenti progressive migliori, renderanno l’adattamento più veloce ed eviteranno i famosi giramenti di testa.

Proprio come detto prima, una giusta scelta della montatura è fondamentale per la riuscita dell’adattamento. Gli occhiali dovranno essere sufficientemente grandi per poter montare correttamente le lenti progressive. Se li scegliamo piccoli corriamo il rischio di ritagliare zone visive della parte superiore, perdendo campi visivi da lontano; e della parte inferiore, dove si perde la visione da vicino.

I professionisti della vista vi consiglieranno. Siate buoni, fate loro caso e, sebbene vi piacciano gli occhiali piccoli, scegliete una montatura più grande perché vi sarà più comoda. Al tempo stesso, scegliete presso una ottica, ché vi spiegheranno bene il funzionamento degli occhiali progressivi.

Vi diranno, grosso modo, che dovrete mantenere la testa dritta: guardare avanti tramite la zona da lontano; per leggere non dovrete piegare la testa, bensì giocare con lo sguardo abbassando gli occhi fino a trovare il punto di visione prossima; la stessa cosa vale per le attività a visione media, come stare al pc. Attenzione con le scale, all’inizio: se scegliete delle lenti di qualità, potrete guardare con la coda dell’occhio, però sarebbe corretto girare la testa per vedere bene la zona di maggiore ampiezza dei campi.

Se seguite questi punti, e soprattutto quelli che vi indicano all’ottica, il successo nell’adattamento è quasi assicurato.

Hai cliccato sul link del nostro sponsor? È gratis. Se non l’hai fatto, clicca su questo e, oltre ad ottenere un buon prezzo, verrai seguito da un ottico per tutta la vita e contribuirai alla sopravvivenza di questo blog.

Occhiali bifocali

L’ultima soluzione alla presbiopia sono gli occhiali bifocali.

Sono i tipici occhiali da “anziano” con una lunetta nella parte inferiore destra o sinistra.

 

Occhiali bifocali

 

Prima dello sviluppo delle lenti progressive, erano l’unica soluzione per le persone con difetti rifrattivi, come miopia, ipermetropia o astigmatismo, per poter vedere da vicino, ma anche da lontano.

Basta solamente abbassare gli occhi e guardare attraverso la lunetta per poter leggere senza difficoltà. Quando si voglia vedere da lontano, basterà mantenere gli occhi nella loro solita posizione con lo sguardo in avanti.

Fu creata una variante con una divisione della lunetta in due, in modo da ottenere tre zone di visione, lontano, vicino e distanza media. Sono i poco conosciuti trifocali, che non hanno mai goduto di molto successo.

Esistono anche i bifocali che vengono dipartiti, nei quali metà della lente serve per vedere da lontano e metà per vedere da vicino. Ma questo tipo di bifocali  viene utilizzato a scopi terapeutici su pazienti giovani.

Questo è ciò che dice Wikipedia sulle lenti bifocali e sul loro utilizzo nella correzione della presbiopia.

Conclusioni

A questo punto, conoscete bene i vari tipi di occhiali e lenti per correggere la presbiopia. Detto ciò, chi chiedo di farvi consigliare dall’ottico che vi segue. Spiegategli bene il problema e le vostre necessità visive giornaliere.

Spero che l’articolo vi sia piaciuto e che vi abbia aiutato a capire meglio i diversi tipi di lenti e occhiali per la correzione della presbiopia. Non dimenticate di recarvi dal vostro professionista della vista se notate sintomi di presbiopia e, soprattutto, non dimenticate di condividere questo articolo affinché i vostri amici e familiari apprendano un po’ di più sulla presbiopia e le sue soluzioni.

Se fai clic sul banner qui sotto, verrai indirizzato a una pagina dove potrai trovare l’ottica Occhiali24.it più vicina a casa tua. Compila il modulo per fissare un appuntamento con il tuo ottico più vicino, e dopo aver esaminato la tua visione (la quale so che non controlli da tempo), ti spiegherà tutto nei dettagli e di persona. Non v’è alcun impegno di acquisto e tutto questo non ti costerà nulla.

Lenti a contatto progressive

Un’altra soluzione per correggere la presbiopia, sono le lenti a contatto progressive o multifocali. Questo tipo di lenti a contatto sono relativamente sconosciute al grande pubblico.

Le lenti a contatto progressive (multifocali) esistono da più di un decennio e gli optometristi le adattano relativamente spesso.

lenti a contatto progressive

Ma il numero di coloro che usano le lenti a contatto per la miopia o l’astigmatismo, e coloro che le usano per la presbiopia è chiaramente molto differente, con una netta superiorità dei primi.

Così come con le lenti a contatto per la correzione di altri difetti visivi, esistono molti tipi di lenti a contatto progressive classificate in base alla durata e al tipo di materiale di cui sono fatte. Iniziamo dalle lenti a contatto morbide

-Lenti a contatto giornaliere: si usano solo una volta e poi si buttano.

-Lenti a contatto settimanali/quindicinali: sono esclusive di un unico produttore

-Lenti a contatto mensili: sono le più diffuse per correggere la presbiopia, e per tutti i tipi di difetti visivi

-Lenti a contatto trimestrali: così come quelle settimanali sono esclusive di un unico produttore

-Lenti a contatto annuali: pochissimi produttori le includono nei loro cataloghi.

Le più diffuse sono quelle mensili. Anche se tutti i produttori offrono la correzione della miopia e dell’ipermetropia insieme alla presbiopia, sono pochissimi coloro che producono anche lenti a contatto multifocali per correggere l’astigmatismo.

Ogni produttore sceglie il materiale con il quale desidera sviluppare le proprie lenti a contatto progressive tra i diversi tipi di idrogel e idrogel al silicone esistenti.

Per quanto riguarda le gradazioni e gli altri parametri di produzione, è chiaro che più durata avrà la lente, più sarà personalizzabile. Una lente a contatto giornaliera avrà modelli di produzione standard, mentre una lente a contatto annuale sarà prodotta in modo personalizzato per un determinato utente finale.

Considerando il prezzo, le lenti a contatto monouso sono più costose rispetto a quelle annuali. Anche se è vero che quelle annuali hanno bisogno di liquidi per la conservazione più costosi.

Rimane da menzionare le ultime, cioè le lenti a contatto semirigide. Le quali sono conosciute dal pubblico come lenti a contatto rigide. Questo tipo di lenti a contatto sono le più difficili da adattare a causa della rigidità del loro materiale e quindi del conseguente disagio negli occhi. Tuttavia, quando ci si abitua a queste lenti è molto difficile e sconsigliabile fare il cambiamento per le morbide.

Disegno di lenti progressivi

Lenti a Contatto Progressive

I produttori si sforzano di innovare la produzione di lenti a contatto per correggere la presbiopia. Sono stati provati differenti progetti, come l’inserimento di cerchi concentrici, il cui principio si basa sul fatto che la visione da lontano viene eseguita attraverso la parte centrale della lente, e la visione da vicino viene eseguita dalla periferia della lente a contatto in questione.

Nonostante questo, possiamo dire che la maggior parte di queste lenti a contatto per correggere la presbiopia, si basano sulla tecnica della monovisione.

La tecnica della monovisione è un metodo che è stato utilizzato a lungo prima che uscissero sul mercato le prime lenti a contatto progressive e consiste nel correggere un occhio per la visione da lontano e l’altro per quella da vicino. C’è molta polemica per quanto riguarda l’uso di questa tecnica.

Dal momento che è possibile perdere la visione in 3D, ed è possibile avere dei problemi di “vertigini” o malessere da parte del paziente. Ma d’altra parte è anche vero che ci sono molti casi in cui i pazienti si sono abituati molto bene a questo tipo di visione e non vogliono sentir parlare di lenti a contatto progressive per correggere la presbiopia.

Come è stato accennato poche righe fa, la tecnologia per la produzione delle lenti a contatto progressive moderne si basa sull’ottimizzare della visione da lontano in un occhio, penalizzando l’altro occhio; e al contrario sull’ottimizzazione della visione da vicino nell’altro occhio, penalizzando il primo occhio ottimizzato da lontano.

In altre parole, quello che voglio dire è che vedremo sempre meglio con un occhio da lontano e con l’altro da vicino. Pertanto, in un certo senso si sta applicando la tecnica della monovisione.

Proprio per questo a metà strada tra la prima monovisione esistente e le nuove tecnologie di lenti per la presbiopia, esiste un alto grado di inadattabilità a queste lenti a contatto.

È molto difficile ottenere una visione ottimale per entrambe le distanze con questo tipo di lenti a contatto.

Perciò, molti optometristi raccomandano di utilizzare occasionalmente questo tipo di lenti a contatto, come per esempio durante giornate particolari, feste, serate, ecc.

Forse ti starai chiedendo, quali lenti a contatto devo utilizzare per la presbiopia?

Beh, la prima cosa che dovresti fare è andare al negozio di ottica e chiedere consiglio all’optometrista. Il o la professionista con cui parlerai ti dovrà consigliare e guidare in base alle tue esigenze.

Da parte tua, è necessario spiegare chiaramente le tue attività quotidiane inerenti con la vista, e l’uso che vorresti fare delle lenti per presbiopia. In questo modo entrambi dovreste arrivare ad un accordo e scegliere il tipo di lenti a contatto più adatto.

Questa decisione sarà chiaramente influenzata dal fatto se già usi delle lenti a contatto o meno.

Da questo umile blog incoraggiamo tutte le persone con presbiopia a provare le lenti a contatto progressive o multifocali. Si tratta di una grande opzione da considerare.